Log in
updated 2:18 PM CET, Dec 13, 2019

Fondo lento: quando?

 

Fondo-lentoIl recente primato mondiale della maratona stabilito domenica scorsa a Berlino dal keniota Wilson Kipsang con 2h03’23 correndo per 42 km e 195 metri alla spaventosa media di 2’55 al km ci fa riflettere sui continui ed inarrestabili prodigi che riesce a compiere la macchina umana con allenamenti sempre più duri e sofisticati e con il supporto della scienza, sempre augurandoci che, dietro ad ogni record, non ci sia anche lo spettro del doping.

Fra le varie riflessioni che si possono fare, visto poi che nelle grandi maratone corrono insieme i fuoriclasse africani del fondo e lo sterminato popolo degli amatori quella più intrigante può essere: ma a quale velocità vanno questi atleti quando corrono il loro fondo lento rispetto al ritmo di gara ? E qual è invece la differenza di velocità fra corsa lenta e gara per un podista amatore. E poi ancora : esiste una velocità di corsa lenta che possa fare da spartiacque fra il podista amatore di medio ed alto livello e chi invece affronta la gara di maratona con il solo scopo di arrivare al traguardo anche camminando per larghi tratti ? Andiamo con ordine.

CAMPIONI. Il fondo lento dei campioni della maratona capaci di correre a 20 km orari è intorno ai 3.30 al km, cioè è più lento del ritmo di gara di circa 30 secondi. C’è da dire che il fondo lento del maratoneta è un allenamento che ha anche una importante funzione metabolica perché abitua l’atleta ad utilizzare anche i grassi, mentre è molto meno significativo per i campioni del mezzofondo prolungato che lo usano spesso come training defaticante fra una seduta di alta intensità e l’altra fatte in pista.

AMATORI DI MEDIO E BUON LIVELLO. Naturalmente il fondo lento degli amatori di medio e buon livello, cioè capaci di correre la maratona fra le 3 ore e le 3 ore e 45 minuti cioè fra i 4.15 ed i 5.15 al km ha un gap di velocità meno ampio rispetto a quello dei campioni. Per chi corre a 4.15 al km tutta la maratona siamo sui 4.35/4.40 al km,  cioè da 20/25 secondi al km più lento del ritmo di gara per chi corre a 5.15 tutti i 42 km e 195 metri il gap diminuisce ancora un po’ e si assesta sui 15/20 secondi, cioè a 5.30/5.35 al km.

NEOFITI. Per questa categoria si può dire che il fondo lento in pratica coincida con quello di gara, anzi sarebbe già un successo tenerlo per tutti i 42 km e 195 metri.

Tratto da: Corriere della Sera Blog Di corsa “Fondo lento, ma quanto?”

 

Il Tempo

-1°C

Pistoia

Clear

Humidity: 57%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 8°C -2°C
  • 04 Jan 2019 6°C -3°C